Rocca Albani a Urgnano

Torna alla sezione Castelli, palazzi e borghi medievali

IL BORGO E LA ROCCA DI URGNANO

Provincia di Bergamo

Un antico borgo fortificato, una rocca, una splendida parrocchiale e un famoso campanile.

PRESENTAZIONE

Urgnano si trova all’incrocio tra la “Cremasca” e la “Francesca”, due delle maggiori vie commerciali che attraversano la Bergamasca. Come molti altri centri della nostra pianura, deve la sua origine alla fattoria del colono romano Aurinius (da cui il fundus Aurinianus) che – attorno al primo secolo d.C. – ebbe qui un possedimento assegnatogli dopo l’operazione di centuriazione della nostra pianura.

In un documento dell’anno 986 Urgnano è già definita vicus (villaggio) e in un altro del 1017 è citato come castrum (borgo fortificato) dotato di due chiese: quella dei SS. Nazario e Celso e quella di San Zenone. Il primitivo insediamento aveva pianta rettangolare, ma già alla fine del XIII secolo assunse l’attuale planimetria a forma di cuore, con un fossato più ampio, che aveva inglobato al suo interno i quartieri sorti all’esterno delle prime fortificazioni. Allo stesso periodo risale la rocca, inserita sul lato occidentale delle mura, che in periodo visconteo sostituirono il primitivo terrapieno sormontato da palizzata di legno.

Urgnano tra XIV e XV secolo fu spesso teatro di sanguinose faide tra Guelfi e Ghibellini. Nel 1428 Venezia occupò Bergamo e il suo territorio; il suo comandante di Terraferma, Bartolomeo Colleoni, ebbe in feudo vari borghi tra cui Urgnano, nella cui rocca soggiornò più volte. Lo stesso Colleoni cedette poi la rocca al suo segretario Abondio Longhi, che la lasciò in eredità al figlio Marco Antonio; passò poi ai suoi generi (Pietro Visconti e Gerolamo Albani) mariti delle uniche figlie. Gerolamo Albani, futuro cardinale, acquistò anche la parte del cognato e diede inizio a trasformare l’edificio in una splendida residenza.

La famiglia Albani resterà in possesso della rocca fino alla seconda metà del XIX secolo tanto che ancor oggi mantiene il suo nome.  Attualmente l’intera struttura è di proprietà comunale.
Nonostante si tratti di una struttura prettamente militare, l’edificio vanta un giardino pensile e alcune sale interamente affrescate. A breve distanza dalla rocca è possibile ammirare la splendida torre campanaria, opera dell’architetto neoclassico Luigi Cagnola (1829), che costituisce un interessante complesso architettonico con l’adiacente settecentesca chiesa parrocchiale (1762-1783 opera dell’architetto Filippo Alessandri), ricca di pregevoli dipinti.

DOVE: Urgnano (BG) Via Rocca, 108.

INFORMAZIONI TURISTICHE

Associazione Promo Urgnano
Via Rimembranze, 456
24059 Urgnano (BG)
www.apu3000.it

 

Per informazioni:
Tel. 347 8079694
email: promourgnano@hotmail.com

 

Per prenotazioni:
Tel. 333 2254255 (da lunedì a sabato dalle 15 alle 21)
email: prenotazioni@apu3000.it

[layerslider_vc id=”2″]

RICERCA GEOLOCALIZZATA

Utilizza la nostra Web App DIARIO DI VIAGGIO!
Scopri le bellezze della Media Pianura Lombarda e crea il tuo diario di viaggio!