Gravel sul Serio

indifferent

PERCORSO DIFFICOLTA’ MEDIA

way

67 KM e 110 Km

Scopri il fascino di un percorso tra sterrato e sentieri, castelli e natura, pedalando nel Parco del Fiume Serio.

Due itinerari i 67 km o 110 km, entrambi pianeggianti, su strade sterrate e asfaltate, con partenza dalla Rocca di Romano di Lombardia, sede del Parco del Serio.

Pedalando lungo le sponde del fiume Serio, il percorso proseguirà fino all’oasi di Seriate, da qui si procederà sulla sponda opposta, per poi ritornare in territorio romanese attraversando il ponte di Mozzanica (percorso corto) o proseguire fino Crema, e rientrare al punto di partenza (percorso lungo)..

Qui è possibile scaricare e consultare:

  • LA MAPPA con le informazioni di servizio

PIANURA DA SCOPRIRE ORGANIZZA OGNI ANNO IL GRAVEL SUL SERIO.

GRAVEL SUL SERIO – ED. 2021

Anche quest’anno Pianura da scoprire presenta il Gravel sul Serio, edizione 2021!

Andremo a esplorare le sponde del fiume Serio, con partenza da Romano di Lombardia (sede del Parco del Serio). Il percorso proseguirà fino al ponte ciclopedonale di Crema, da qui si procederà sulla sponda opposta e si risalirà fino al ponte di Bariano-Romano per poi ritornare in territorio romanese (percorso corto), in alternativa si potrà proseguire fino all’oasi di Seriate e poi ritornare al punto di partenza (percorso lungo). Lungo entrambi i percorsi saranno presenti dei punti timbro obbligatori.

GRAVEL SUL SERIO – ED. 2019

Nell’edizione del 2019 l’evento ha portato a Romano di Lombardia numerosi ciclisti che provenienti dal Nord e dal Centro Italia.

500 persone hanno pedalato in compagnia lungo le sponde del fiume Serio, dotati di bicicletta mountain-bike o “gravel”, una bicicletta un po’ “speciale” che ha preso piede in America, per coniugare la voglia di pedalare in tranquillità con l’esigenza di percorrere molti chilometri per recarsi in luoghi lontani, lasciando da parte lo spirito delle gare competitive.

Da lì il movimento “Gravel” si è trasferito anche in Italia, dove identifichiamo la parola gravel con “strade bianche”.

L’evento 2019 non sarebbe stato possibile se non ci fosse stato da parte degli organizzatori lo spirito di collaborazione e cooperazione tipica di una squadra vincente, ma anche la voglia di sperimentare qualcosa di diverso, di rigenerante per lo sportivo e di appagante per chi ha visto riconoscere all’evento una partecipazione inaspettata.

Grazie dunque a Simone Radavelli, che ha fatto da “cavia” e ha tracciato i percorsi di 67 e 110 km tra Romano, Seriate e Crema, grazie al Comune di Romano di Lombardia, al Parco del Serio, alle associazioni A.RI.BI. e FIAB Cremona, e all’azienda Bianchi per aver contribuito all’organizzazione dell’evento.