Rivolta d’Adda

Risale al 21 settembre del 1090 il primo documento scritto che parla di Rivolta d’Adda. Si tratta di una donazione di terra della dimensione di circa quattro pertiche. Nello stesso periodo gli abitanti di Rivolta costruivano uno degli edifici religiosi più importanti del centro: la basilica di Santa Maria e San Sigismondo che, grazie a un lungo restauro, si presenta oggi come esempio tra i più significativi dell’arte lombarda del Medioevo. Nel periodo degli aspri scontri tra i Comuni e Federico Barbarossa, precisamente con una bolla datata 1144, papa Lucio II confermò a Alberto Quadrelli, parroco di Rivolta, tutti i privilegi in possesso della Basilica. Lo stesso Alberto Quadrelli per la fedeltà dimostrata nei confronti del papato si trovò a reggere la Chiesa di Lodi e a diventarne vescovo. Alla sua morte, avvenuta nel 1173, fu santificato. Oggi è il patrono di Rivolta d’Adda che lo celebra la prima domenica di luglio. La posizione strategica dell’abitato ha reso Rivolta meta e preda di molte dominazioni e di molti saccheggi. Proprio per tutte queste dominazioni, ancora oggi nel dialetto e nella cadenza abbiamo delle particolarità: la cadenza è mista tra il milanese e il bergamasco mentre il dialetto è di origine milanese con qualche termine di derivazione bergamasca e lodigiana.

 

Ecco i luoghi da non perdere:

  • Basilica di Santa Maria Assunta e San Sigismondo
  • Chiesa dell’Immacolata Concezione
  • Palazzo Celesia
  • Parco della Preistoria

DOVE: Rivolta d’Adda (CR) Piazza Vittorio Emanuele II, 1

INFORMAZIONI TURISTICHE

Per le visite guidate contattare la Pro Loco di Rivolta d’Adda:
Via Mario Cereda, 27
26027 Rivolta d’Adda
Tel. 0363 79884
email: info@prolocorivolta.com
www.prolocorivolta.com

FATTI RAPIRE DAI NOSTRI ITINERARI

CICLOTURISMO
PER SCOPRIRE IN MODO "DOLCE"
E VIVERE CON ATTENZIONE
IL NOSTRO TERRITORIO

RICERCA GEOLOCALIZZATA

Utilizza la nostra Web App DIARIO DI VIAGGIO!
Scopri le bellezze della Media Pianura Lombarda e crea il tuo diario di viaggio!