Bariano (BG)

Bariano, borgo di antica origine romana nella provincia di Bergamo, fu sempre oggetto di contesa trovandosi proprio sul confine delimitato dal fosso bergamasco. Il paese presenta ancora oggi una grande quantità di cascine in aperta campagna che stanno a ricordare l’anima rurale del borgo. Lungo la strada che collega Bariano e Romano sorge il Convento dei Neveri, un tesoro rimasto nascosto fino ai primi anni del 2000. Restaurato con la massima attenzione, al suo interno sorgono due ristoranti dalle calde atmosfere eleganti e dal sapore medievale incastonati fra le bellezze del tempo.

 

Visita insieme a noi questo comune tutto da scoprire!

PILLOLE DI STORIA

L’abitato di origine romana (Fundus Barrianus, dal nome dell’antico colono Barrius), si trova poco distante dalla riva destra del Serio. Sul sito dell’attuale convento dei Nèveri sorgeva una grande villa romana, che dal IV secolo ospitò la pieve di Santa Maria d’Averga e il battistero di San Giovanni. Recenti scavi archeologici hanno riportato in luce resti della villa e una necropoli di epoca longobarda con ricchi corredi. Bariano è già menzionato in un documento dell’anno 919; in un altro dell’anno 1041 la curtis Barriani risultava difesa da un fossato munito di palizzata; la chiesa pubblica, intitolata ai Santi Gervasio e Protasio, si trovava all’esterno delle fortificazioni sul sito dell’attuale cimitero mentre all’interno delle fortificazioni vi era una chiesa intitolata a San Bartolomeo. Nei secoli XII e XIII Bariano fu conteso a lungo tra Bergamo e Cremona; solo con lo scavo del Fosso Bergamasco (fine sec. XIII) rimase definitivamente a Bergamo. A partire dal XV secolo a Bariano ebbe vaste proprietà la Misericordia Maggiore di Bergamo.

I LUOGHI DA NON PERDERE

Convento dei Nèveri
Lungo la strada che collega Bariano con Romano di Lombardia, poco prima del fiume Serio, sorge  il Convento dei Nèveri. Si tratta di un sito di eccezionale importanza storica sorto sulle rovine di un’antica villa romana i cui resti, risalenti al primo secolo d.C., sono stati riportati alla luce da recenti scavi archeologici. Il convento fu fondato nel 1480 e fu abitato fino al 1770.  Al suo interno è possibile ammirare una cappella costruita a propria volta su una pieve altomedievale, con affreschi che risalgono al quarto e quinto secolo d.C. raffiguranti episodi dell’antico testamento.
All’interno della chiesa sono stati rinvenuti affreschi trecenteschi appartenenti all’antica chiesa di San Giovanni Battista e non si esclude che l’intonaco possa celare altre preziose testimonianze di arte pittorica medioevale. 

Chiesa parrocchiale dei SS Gervasio e Protasio
Il cantiere per la costruzione della chiesa parrocchiale del comune di Bariano durò più di 10 anni. La struttura venne completata nel 1750 anche se le opere di finitura e abbellimento continuarono ancora per decenni.
Quello che più colpisce è la sua facciata che non è preceduta da un sagrato ma da un ampio ripiano realizzato in pietra di Zandobbio. Proprio con questa pietra avrebbe dovuto essere realizzata l’intera facciata ma, per alterne vicende, essa si presenta oggi totalmente intonacata e con lesene molto grandi

PARCO CICLOTURISTICO

Puoi raggiungere il Comune di Bariano anche attraverso l’itinerario cicloturistico I castelli della Bassa Bergamasca, uno dei 14 itinerari del Parco Cicloturistico della Media Pianura Lombarda.

DOVE: Bariano (BG)

www.comune.bariano.bg.it
Tel. 0363 95022

FATTI RAPIRE DAI NOSTRI ITINERARI

CICLOTURISMO
PER SCOPRIRE IN MODO "DOLCE"
E VIVERE CON ATTENZIONE
IL NOSTRO TERRITORIO

RICERCA GEOLOCALIZZATA

Utilizza la nostra Web App DIARIO DI VIAGGIO!
Scopri le bellezze della Media Pianura Lombarda e crea il tuo diario di viaggio!