Pandino (CR)

PILLOLE DI STORIA

Nell’alto medioevo fu un piccolo insediamento agricolo tra i boschi non lontano da Rivolta d’Adda. Nel 1144 aveva un suo oratorio dipendente dalla chiesa rivoltana. Nel 1355 Bernabò Visconti vi fece costruire un castello come residenza di caccia. Attorno all’imponente edificio si sviluppò ben presto un popoloso borgo, che fu circondato da fossato e terrapieno e seguì poi le sorti della Geradadda.

Il comune ha due frazioni, ciascuna con la propria chiesa parrocchiale: Nosadello e Gradella; quest’ultima, di origine medievale, è considerata uno dei più begli esempi di borgo rurale lombardo.

I LUOGHI DA NON PERDERE

  • Castello di Pandino
  • Parrocchiale neoclassica
  • Frazione di Gradella

DOVE: Pandino (CR)

www.comune.pandino.cr.it
Tel. 0373 973300

INFORMAZIONI TURISTICHE

Per le visite guidate contattare l’Ufficio Turistico:
Tel. 0373 973350
email: turismo@comune.pandino.cr.it 
Per tutti i dettagli clicca qui.

FATTI RAPIRE DAI NOSTRI ITINERARI

CICLOTURISMO
PER SCOPRIRE IN MODO "DOLCE"
E VIVERE CON ATTENZIONE
IL NOSTRO TERRITORIO

RICERCA GEOLOCALIZZATA

Utilizza la nostra Web App DIARIO DI VIAGGIO!
Scopri le bellezze della Media Pianura Lombarda e crea il tuo diario di viaggio!